Sei nella pagina  Italia
oppure Seleziona un altro Paese

Deutsche Post DHL Group - La nostra risposta al Covid-19


A seguito dell’evoluzione dell'epidemia globale di Covid-19, le azioni di Deutsche Post DHL Group vengono costantemente adattate per mitigare i potenziali impatti. In quanto azienda operante a livello globale, gli scenari di rischio di epidemie e pandemie sono parte integrante della continua pianificazione del rischio del Gruppo. Deutsche Post DHL Group segue un protocollo di gestione olistico che consente alle nostre divisioni di garantire le migliori operazioni possibili per i nostri clienti anche in caso di emergenza.

La sicurezza dei nostri dipendenti e dei nostri clienti è fondamentale. Al fine di monitorare e gestire da vicino l'epidemia di Coronavirus, è stata istituita una task force Coronavirus all’interno di Deutsche Post DHL Group, guidata dal CEO del Gruppo. La task force del Gruppo si coordina anche con le organizzazioni internazionali (come l'OMS, il CDC, l'ECDC e l'Istituto Robert Koch) e fornisce le informazioni necessarie a tutti i dipendenti e alle operazioni rilevanti.

La task force del Gruppo:

  • Si riunisce frequentemente e aggiorna il top management sull'evoluzione della situazione
  • Assicura che le nostre divisioni in tutti i Paesi in cui operiamo seguano i protocolli delle autorità ufficiali, sia le organizzazioni internazionali che delle autorità sanitarie locali (applicando la normativa più rigorosa)
  • Discute e approva le misure man mano che la situazione si evolve.

Aggiorniamo regolarmente i nostri dipendenti tramite i canali interni, nonché tramite i nostri management team locali. Pubblichiamo informazioni aggiornate man mano che diventano disponibili per ridurre l'esposizione e la trasmissione del Coronavirus.

In qualità di azienda che opera a livello globale con circa 550.000 dipendenti in oltre 220 Paesi e territori in tutto il mondo, ci assicuriamo che le nostre divisioni nazionali operino in conformità con i protocolli delle autorità ufficiali, sia delle organizzazioni internazionali che delle autorità sanitarie locali, a seconda di quale sia la più rigorosa delle normative.

Peschiera Borromeo, 18 marzo 2020